Luigi

VINACCIA

     

Campione Italiano Slalom


Vinaccia Casco d'Oro

articoli precedenti


Con la splendida vittoria ottenuta nello slalom di domenica 13 ottobre sulle strade di Puccianiello (CE), Luigi Vinaccia, al volante della sua bellissima Osella PA9 Ar. curata da Vincenzo Catapano, si è laureato con una giornata di anticipo, Campione d’ Italia

Il bravissimo pilota massese, con un’escalation di risultati ha sbarazzato il campo ottenendo una serie di record che presumibilmente dureranno per parecchi anni. Infatti Vinaccia nel campionato 2002, con otto risultati utili di cui sette assoluti ed un secondo posto, senza disputare le prime due gare di campionato e con una giornata di anticipo, ha conquistato il tanto agognato titolo, a coronamento di una brillante carriera cominciata al volante della mitica A112 - S2, continuata con la stessa brillantezza e classe al volante della altrettanto mitica X1/9 prototipo.

Un titolo che premia il campione massese di S. Agata sui due Golfi, portacolori della scuderia Autosport Sorrento, della immensa passione e dei tantissimi sacrifici che ha dovuto fare nella sua ultraventennale carriera di pilota, una carriera ricchissima di successi su tutte le strade d’Italia. 

Luigi Vinaccia subito dopo l’ultima vittoria, ottenuta con dei tempi straripanti che hanno stracciato il record del percorso di Puccianiello, precedendo addirittura di 7.62 secondi (in gare del genere significano un’eternità) il secondo arrivato Matteo Laudato, ha voluto dedicare la conquista del titolo di Campione d’Italia ai suoi tantissimi tifosi che in questi anni lo hanno sempre seguito con affetto, sia nei momenti belli che in quelli meno belli (per la verità molto pochi). 

Per un massese d.o.c. come Gigi Vinaccia la candidatura al premio “Vervece”, nato per premiare quei massesi che nei diversi settori, dall’arte alla cultura, dallo sport alla imprenditoria, hanno saputo dare lustro alla città di Massa Lubrense, sembra oramai un fatto scontato al quale l’Amministrazione Comunale non può derogare ulteriormente.

 (Mario Gargiulo, addetto stampa)