il Vervece

Proprio di fronte all'abitato della Marina della Lobra, a poco meno di un miglio da terra, in direzione nord-ovest, sorge dalle acque il Vervece (dal latino Vervex = caprone) caratteristico scoglio di Massa, localmente detto 'o Revece. Questo grosso scoglio, quasi un isolotto, ha causato, secondo una storia tradizionale, un appiattimento ed ingrossamento del fondo schiena delle donne massesi. Queste infatti, volendo tirarlo a riva temendo che i Sorrentini volessero rubarglielo o, secondo un'altra versione, per riparare l'approdo della Marina della Lobra, subirono questo danno irreparabile a seguito della rottura della fune all'uopo intrecciata.

Ma mi sembra giusto riportare la descrizione che ne fa Francesco Saverio Mollo nel terzo canto del poemetto 'O Paese Mio.

In queste sestine colui che parla è un canonico che racconta a Monsignor Giuseppe Giustiniani, arcivescovo di Sorrento dal 1886 al 1917, questo curioso aneddoto da lui ascoltato alla Marina Grande di Sorrento:

I

Vuie sapite 'a Marina 'e Funtanella,

ca ce pote 'o libeccio e 'o viento 'e fora...

Venette 'ncapa a na pescaturella

n'idea geniale e s''a sciataje cu 'a sora :

"Sasora mia, vì' ch'arruvina !... E 'mmece

basta nu scuoglio a ce sarvà': 'o Revece !"

II

"E comme?" "Si cu 'e cimme se 'mbracasse....

longhe, assaje doppie e bone annurecate...

e 'a terra tutto 'o populo tirasse...

i' credo ca, cu quatto stracannate,

'o tirarrìamo 'nterra e, stuorto o muorto,

nu recanzo avarrìamo, nu puorto!"

III

Tagliammo a curto... Priesto sta penzata

facette 'a cavulara saglì' a bullo !

Ma 'o sinnaco fuje tuosto : "Mo' chest'ata

prudezza e addeventammo nu trastullo !"

Ll'uommene se facettero capace ;

ma, vuje sapite, 'a femmena è tenace.  

IV

Figliole e vecchie, zite e maretate,

cu fune, rieste, sàvule e catene,

'nfravulo 'e mare, cu 'e vunnelle aizate,

votteno 'e notte 'e lanze, 'e fanno chiene,

e po', cu o friso a mare, 'mmiez' 'e scoglie,

vocano, e chi nun voca sciaravoglie.

V

A 'mbracà' e attaccà' schiaraje juorno...

Ma all'arba, overo comm' a nu crapone,

ca sente 'a chianca e 'ncasa 'nterra 'o cuorno

- e hanno voglia 'e tirà' mille perzone,

ca nun ce stanno Sante nè Maronne ! -

o' Revece resiste 'mmiez' all'onne.

VI

'E femmene sciusciajeno pe' n'ora,

'o sudore scavaje 'nterra duje rive,

d''e panne 'e pelle s'affacciajeno fora

e po', pure d''e pelle, 'e carne vive...

e steva già pe' s'affaccià' 'o primm' uosso

quanno l'aria tremmaje pe'nu scuosso.

VII

E ste doje nzerte 'e femmene nu butto

facettero cu 'e fune rotte mmano...

e sbattettero 'nterra cu 'o presutto.

Mo' stu presutto rummanette sano ;

ma 'a chillo juorno, e tiempo n'è passato,

tutte 'e massese 'o teneno ammaccato !  

Il Vervece entra anche in un altra storia, riportata anche dal Canzano Avarna, della quale sono protagonisti due pittori: Carlo Amalfi, nativo di Piano di Sorrento, allievo di Sebastiano Conca detto il Gaetano, e il suo falso amico tale Luigi Blower. Per quanto era buono, bravo, leale e generoso Carlo, tanto era invidioso, falso, subdolo e malvagio Luigi. Quest'ultimo, dopo averne combinate di tutti i colori al povero Carlo, specialmente nel campo professionale, giunse perfino a farlo incarcerare per un anno avvalendosi delle sue amicizie a Corte. Ma questa fu la goccia che fece traboccare il vaso, e così Carlo durante il suo soggiorno forzato ebbe modo di rendersi conto della cattiveria del falso amico e meditò la vendetta. Scontata la pena, tornò a Sorrento e quando incontrò Luigi, che si mostrò ovviamente dispiaciuto delle disgrazie dell'altro e assolutamente estraneo al fatto, fece buon viso a cattivo gioco, in attesa del momento propizio per punirlo.

E il giorno giusto arrivò. Carlo, abile marinaio, invitò Luigi, che non sapeva neanche nuotare, a fare un giro in barca a vela, essendosi accorto che stava per avvicinarsi una burrasca. Allontanatisi dalla riva, fecero rotta verso Massa e quando arrivarono nelle vicinanze del Vervece erano in piena tempesta. Carlo si divertiva a manovrare fra le onde, mentre Luigi era in lacrime e supplicava l'amico farlo sbarcare da qualche parte. Fu subito accontentato da Carlo il quale accostò al Vervece dal lato a ridosso del forte vento di tramontana, lo fece salire sullo scoglio e poi se ne andò gridandogli che era giunto il momento di meditare su tutto il male che fino a quel momento gli aveva fatto. Carlo aveva inteso solo spaventare Luigi, e quindi rimase di sasso quando, andato al Vervece il mattino seguente per recuperarlo, non lo trovò, né ne ebbe notizia in nessuna marina della penisola. L'Amalfi passò il resto della sua vita col rimorso di aver causato la morte di Luigi e i suoi sogni era turbati da visioni di tempeste e naufragi.

Mentre si trovava a Nocera per eseguire dei lavori, sentì che la sua ora stava per arrivare e fece chiamare un frate dal vicino convento dei Cappuccini. Fu così che dopo aver confessato il suo presunto delitto, che lo aveva angustiato per tanti anni, ebbe la sorpresa di scoprire che il frate era proprio Luigi Blower. Questi era stato preso a bordo da una barca di procidani ed evidentemente la lezione gli era bastata, poiché aveva deciso da allora di passare il resto dei suoi giorni in un convento per espiare i suoi peccati. E quindi Carlo Amalfi potè morire contento e sollevato dal tormento che lo aveva afflitto fino ad allora.  

A proposito del Vervece c'è da segnalare qualche notizia di storia molto più recente: nel tratto di mare compreso fra il Vervece ed il Capo di Massa fu realizzato il record mondiale di discesa in apnea da parte di Enzo Maiorca. Successivamente fu posta una statua della Madonna alla base dello scoglio, a una quindicina di metri di profondità. Ogni anno, da allora, la seconda domenica di settembre si festeggia la Madonna del Vervece, protettrice dei subacquei. Sullo scoglio viene celebrata la Messa e c'è una grande partecipazione, non solo dei subacquei, ma anche di molti devoti che si recano attorno al Vervece con ogni tipo di imbarcazione.