Proverbi riferiti a Massa e ai Massesi 

‘E Massese teneno ‘o culo ammaccato (le massesi hanno il sedere ammaccato) (vedi leggenda del Vervece)

L’aria de Massa: ‘e malate fa sane, ‘e dotte ‘gnorante, e ‘e ricche povere - variante: L’aria ‘e Massa: ‘e sana 'o malato, aliena 'o struito, e appezzentesce 'o ricco - (l’aria di Massa: guarisce il malato, rende ignoranti i colte e poveri i ricchi)

Vacche ‘e Massa nun accattà e femmena ‘e Meta nun spusà, ma si proprio l’hê a piglià, cchiù ‘e l’angiulo nun passà. (mucche di Massa non comprare e donne di Meta non sposare, ma se proprio lo devi fare non oltrepassare l’Angelo)

A Massa saluta e passa, ca si te firme ‘o ttujo nce lasse (a Massa saluta e passa, perché se ti fermi qualcosa di tuo ci lasci)

‘E femmene ‘e Massa quanno parlano posano ‘o fuso - variante: ‘E Massese pe' furficià posano ‘o fuso - (le donne di Massa quando parlano - sparlano - posano il fuso)

Sant’Ata, ‘o figlio nun conosce ‘o pate (a Sant’Agata, il figlio non conosce il padre)

‘E Surrentini mettetteno ‘o lenzulo a Capo ‘e Monte pe’ nun fa passa'  ‘o sole a Massa (i Sorrentini misero il lenzuolo a Capodimonte per non far passare il sole a Massa)

Puolo, si ‘nce ‘o puorte ‘nce ‘o truove (a Puolo, se ci porti qualcosa là la ritrovi)

Monticchiari: mangiapatane, accideperucchie e scassapagliari (gli abitanti di Monticchio: mangiapatate, uccidipidocchi e rompipagliai)

Si vuo’ ca vengo a Torca, io denare nun ne porto; si vuo’ ca nun ce vengo io denare nun ne tengo (se vuoi che io venga a Torca, denari non ne porto; se vuoi che io non venga, soldi non ne ho)

“Chesta è Massa!” dicette Sardella (“Questa è Massa!” disse Sardella) (vedi aneddoto di Sardella)

‘A campana d’ ‘a Marina: damme ca io te dongo (si scherza sul suono caratteristico della campana della chiesa della Lobra)

Si ‘e corne fossero frasche, Massa sarrìa ‘na furesta (se le corna fossero cespugli, Massa sarebbe una foresta)

S’è ammaturato ‘o piro ‘e Massa (è giunta l’ora... Prima o poi tutto si paga)

‘E Marcianise mettetteno ‘o rimmo ‘e 36 parmi int’ ‘o sacco (gli abitanti di Marciano infilarono in un sacco un remo lungo 36 palmi. Ci vuole attestare l’abilità dei marcianesi di cavarsela in ogni situazione)

Vescuvo ‘e Massa comme quaglia passa (Vescovo di Massa come quaglia passa. Questo detto popolare risale alla fine del ‘600, quando una buona porzione delle entrate della mensa veniva dalla caccia delle quaglie)

Passata ‘a Campanella, addio Massa bella! (oltrepassata Punta della Campanella, addio Massa bella)

Crapetani e Santatisi so’ tutti figli ‘e ‘ngrisi (Capresi e Santagatesi sono tutti figli di inglesi, poiché nel massese sono state molte le immigrazioni straniere)

O zuoppo, o scartellato, va’ a Nerano e sì spusato (o zoppo, o gobbo, vai a Nerano e troverai moglie)

Chi se sposa a Nerano addeventa nu ciuccio o nu cane (chi sposa una ragazza di Nerano diventa un asino o un cane. Questo proverbio ha origine dal fatto che Nerano è considerato il paese delle janare)