Newsletter 1° aprile 2004


www.massalubrense.it sito registrato e gestito in proprio da Giovanni Visetti


Pare che il sito continui a piacere e ad interessare. Ecco alcune cifre:


Ed eccoci ai commenti a proposito dei rapporti con il Comune: come molti ricorderanno, a seguito della pubblicazione della Newsletter 2004 fui convocato dal  nostro Sindaco, Antonio Mosca, il quale onestamente riconobbe le mie ragioni e la veridicità di quanto affermato nella Newsletter 2004 e si impegnò personalmente per farmi inviare gli elenchi delle delibere del Consiglio Comunale e della Giunta, essendosi reso conto della poca affidabilità degli altri personaggi coinvolti in questa annosa vicenda.

Come avete avuto modo di vedere, le delibere sono arrivate, quasi sempre tempestivamente e solo ultimamente hanno avuto un piccolo ritardo. Sono stati inoltre inviati, e prontamente pubblicati, vari "Bandi" (fra i quali il recente concorso per Comandante della Polizia Municipale), ordinanze e moduli.

Tanto per far capire quanto, anche dall'estero, i visitatori siano attenti alle notizie diffuse dal Comune, riporto parte di un messaggio inviato dall'Argentina in quel breve periodo di stasi:

En otro orden, veo que la Comuna tiene de nuevo atraso con los informes de las deliberaciones ????.

E ovviamente c'è anche chi aveva notato il ritardo, pur senza chiedermene i motivi. Comunque pare che tutto sia stato risolto (insieme a questa newsletter sono state pubblicate tutte le delibere di marzo).


Al contrario, dopo lunga assenza - alla faccia della continuità di informazione e della trasparenza - è uscito il terzo numero de "L'Impegno" ("periodico d'informazione a cura del Gruppo "Impegno Civico per Massa" - direttore Renato Casa e direttore responsabile Gennaro Pappalardo) ed ancora una volta nessuno ha avuto la bontà di inviare alcuna notizia da pubblicare su www.massalubrense.it.

Certo è che, se lo scopo del giornale in questione è quello di migliorare la comunicazione fra Amministratori e Cittadini, abbiamo a che fare con dei geni della Comunicazione! ... e forse qualche membro del Gruppo di Maggioranza dovrebbe chiedere ai responsabili del "periodico" i motivi per i quali hanno ritenuto opportuno non approfittare di un'ulteriore diffusione GRATUITA dei loro articoli. Oltretutto i Massesi che non risiedono in Penisola difficilmente potranno passare al bar, all'edicola o al Municipio per ritirare una copia del "periodico".

Poco male, anche questa volta nessuno si taglierò le vene, anche se mi dispiace non poter fornire quelle notizie a chi non è in condizione di ritirare una copia del giornale.

L'importante è rendersi conto di con chi si ha a che fare ..... 

E' ormai chiaro che i visitatori di questo sito possono perdere ogni speranza di leggere on line su www.massalubrense.it le notizie pubblicate dal suddetto foglio .


E veniamo alle altre note liete: visto il successo riscosso dall'invio del libro "Storia di Massa Lubrense" di Gennaro Maldacea (1840) ai massesi all'estero (vedi riquadro in calce), e considerato il limitato numero di copie disponibili, ho provveduto a mettere in linea il suddetto testo unitamente a "Massalubrense Antica" (sic)(1881) di F. Saverio Maldacea, nipote di Gennaro.

Quindi a partire da oggi chiunque, da qualunque parte del mondo, potrà liberamente scaricarne entrambe i testi semplicemente cliccando sui titoli (la "Storia" è divisa in più files). Penso di aver fatto cosa gradita non solo a chi si trova all'estero, ma anche a qualche cultore di storia locale.

Questa la comunicazione del Delegato alla Cultura, Marianna Cioffi:

L’Amministrazione Comunale in occasione delle scorse festività natalizie ha intrapreso un’iniziativa tendente a rinsaldare i rapporti con coloro che vivono da tempo lontani dalla terra d’origine.

L'invio del libro “Storia di Massa Lubrense”, di Gennaro Maldacea, ha rappresentato il modo per riannodare il filo dei ricordi  attraverso un piccolo omaggio. Sono stati spediti circa 260 volumi, gran parte alle Associazioni di emigrati italiani che hanno risposto all’invito di comunicarci gli elenchi dei loro iscritti di origine massese, altri attraverso le segnalazioni di parenti o le consultazioni dei registri dell’AIRE.

Le destinazioni prescelte sono state soprattutto l’Argentina e la Nuova Zelanda per la grossa presenza di massesi lì emigrati subito dopo la II guerra mondiale e anche per la notevole distanza che ci separa e che rende più difficile il “contatto” con la terra d’origine.

Questa prima fase del progetto ha avuto un esito a dir poco positivo. E’ intenzione dell’Amministrazione inviare altri volumi a persone che non sono state raggiunte e che verranno segnalate, non appena scelto un nuovo libro, essendo esaurite le scorte di quello del Maldacea.

Le lettere di ringraziamento e di plauso per questa iniziativa, giunte da varie parti, hanno confermato la validità della stessa. La soddisfazione, provata ogni qual volta è giunto un messaggio da parte di chi vive così lontano, ha ripagato le piccole difficoltà incontrate e incoraggia a incentivare il contatto già avuto.

Marianna Cioffi - Consigliere delegato alla Cultura

invia i tuoi commenti

Grazie per aver letto tutto.

Giovanni Visetti, webmaster  


Sarò grato a chi vorrà inviarmi testi e/o foto per arricchire il sito  e suggerimenti per migliorarlo. 

Ricordo che le Associazioni senza scopo di lucro sono gradite ospiti di massalubrense.it e che 

le notizie che vorranno inviarmi (dopo aver preso accordi per i formati) saranno pubblicate gratuitamente.


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Contatore visite