MONTICCHIO

E questo uno dei principali e pi belli casali lubrensi. Siede sul versante occidentale della collina della Neve, in mezzo ad un'ampia valle dal paesaggio pittoresco, e dalla vegetazione lussureggiante. La piazza ov' la principale chiesa sta a 315 m sul livello del mare; ma il casale si eleva ancora su per la collina fin oltre i 350 m.

Ne abbiamo notizie fin dal 1221, epoca della fondazione della chiesa vecchia di S. Pietro, erroneamente segnata dal Persico al 1201; e vi pure menzione nel tempo istesso della famiglia Tizzano de loco Portulae de pertinentijs Monticbij. Nel 1489 detto Monditio e non aveva pi di 179 abitanti. Nel 1543 la chiesa di San Pietro fu rifatta dalle principali famiglie del casale, che erano i Tizzano, i Caputo, i De Maria, gli Orsi, i Bozzaotra, e i Pulcarelli. Fin dal 1576 vi fu eretto l'oratorio della Confraternita del SS. Nome, presso la chiesa nuova di S. Pietro. E nel 1723 la napoletana Cristina Olivieri vi fondava il Conservatorio del SS. Rosario. Racconta il Persico che ai suoi tempi questo casale era ricco di fontane, di bei giardini, e di ottimi luoghi di caccia.

(da Storia di Massa Lubrense di R. Filangieri)