MASSA

E' il Capoluogo del Comune ed è costituito, ormai già da vari secoli, dall'aggregazione di vari antichi Casali (Morta o Mortora, Sirignano, Quarazzano, Palma, Campo); nel 1840 il Maldacea scriveva:

"Questa Città moderna di Massa Lubrense vien formata da più Casali prossimi l’uno all’altro ..... l’aria è purissima e l’atmosfera ha un grande vantaggio sopra de’ Casali, o sieno Parrocchie, per non essere soggetta alla nebbia che nuoce terribilmente alla vegetazione di queste campagne di sopra. La Città è situata sopra un piano irregolare ed è molto elevata dal livello del mare, gode la vista del Cratere, è riparata da’ venti di tramontana. Il suo clima è più caldo de’ Casali per cui i frutti vi maturano molto più presto; ha molti giardini di Agrumi, alberi che ne’ Casali vegetano male a cagione de’ venti freddi."

Morta  

Sta questo casale a scirocco, e poco lungi da Rachione: si eleva dal mare circa 160 m. Si vuole che abbia tratto il nome dalla gran copia di mortelle che vi erano nei tempi antichi. Nel 1489 era il casale più popoloso che avesse Massa, standovi 255 abitanti; era però molto più esteso, comprendendo pure le località che furon poi dette Rachione e Palma. Sappiamo tuttavia della sua importanza anche in epoche anteriori, giacché la via della Marina, costruita da Giovanna II, metteva capo a Morta. (Filangieri)

Sirignano

Casale propinquo a quello di Guarazzano dal lato di NO, e pure ad un centinaio di metri sul mare. Il nome deriva forse da quello di un romano, Sergio, il quale avrebbe posseduta in questo luogo una villa. Al tempo del Persico (1646) doveva essere molto più importante di quel ch'è ora, perché dice l'autore che era un «principale casale il quale ha forma di Città con palazzi, case e giardini, e varie strade». Vi è la cappella di S. M. del Carmine. (Filangieri)

Guarazzano

Detto anche Quarazzano, e più anticamente Corazzano. Giace nel bel centro della valle di Massa, e nella sua parte più piana, a 100 m. sul livello del mare, rivolto ad occidente. Il luogo è assai fertile e propizio allo sviluppo di un centro di abitazioni, onde è da supporsi che fosse stato abitato fin dai più antichi tempi. ..... Giovanna II avea fondata in questo luogo una villa, e la data di tale fondazione, come si vedrà, va ristretta al decennio 1424-34. Allorché la città vecchia fu distrutta dal bastardo Ferrante, quivi si stabilirono molti cittadini, e vi si trasferì in apposito palazzo il Governatore. Questo palazzo dovea stare dove poi fu edificato il Collegio dei Gesuiti (Quartiere), perché il Persico dice che era «rinchiuso nel sito dei Collegio»; ed avanzi notevoli di mura e di un cisternone si vedevano per lo passato nel contiguo fondo detto il Gesù.

Campo

Giace questo piccolo casale poco a mezzogiorno di Guarazzano, ed a 105 m. d'elevazione. La tradizione vuole che, allorché la ribelle città fu assediata dalle milizie di Ferrante (1461-63), queste avessero posto il campo in tal luogo, e vi avessero eretta una piccola cappella dedicata alla Vergine, detta quindi di S. M. del Campo. Intorno vi si formò un piccolo casale di cui troviamo già menzione nel 1527. Vi si trovava pure negli antichi tempi una cappella di S. Pietro.