Canzone de lo capo d’anno

Una delle tradizioni più autentiche caratteristica del territorio è lo spettacolo itinerante di canti della cultura contadina. Rituale derivato dalla tradizione popolare che vedeva, nel periodo natalizio, una formazione che andava in giro portando una frasca di alloro addobbata con nastri e campanelli. Il suono allontanava la cattiva sorte e propiziava felicità e prosperità per l’anno nuovo.

In cambio il gruppo riceveva dalle persone che li ospitavano offerte che appendevano alla “frasca”, la cosiddetta “‘nferta” e un buon bicchiere di vino.

I canti della “frasca” comprendevano tarantelle e tammurriate con ballatori al suono di tammorre , putipù, castagnette, tricchebballacche, zampogne, ciaramelle e scetavajasse.

La chiusura finale dello spettacolo avviene con la “CANZONE DE  LO CAPO D’ANNO”, costituita da un coro di introduzione, nel quale si formulano i voti per il nuovo anno, e da una serie di quartine che racconta il mistero della nascita e dell’infanzia di Gesù.

Scarica canzone de lo capo d’anno

Canzone de lo capo d’anno

La bona sera e buon principio d’anno
a tutte sti Signure in compagnia !
Simme venute e turneremo ogne anne
per farve chillo aurio ca’ sapimmo.

Spilateve li rrecchie, apritece lu core,
la casa, la dispenza e la cantina,
ca’ cheste so’ ghiurnate do’ cuntiente:
se magna e beve e nun se penza a niente!

Aprimmo l’anno nuovo
Co tric-trac e botte
Passammo chesta notte
In allegria.

Nascette lu Messia
Avenne poveriello
No voje e n’aseniello
Pe vrasera.

Da tanne ‘e sta manera
Passato s’ò sti juorne
Pe fa dispietto e scuorno
A farfariello.

Ca chillo marionciello
Nce avea tutte aggranfate
Ne ce avarria lassate
E nce arrosteva,

Si ntiempo non veneva
Da cielo lu Guaglione,
Ca p’essere sguazzone
Nce preggriaje.

Tutte da li guaje
Volette liberarce
Patenno e co lassarce
Purzì a lu piello.

Ma nuje che scurdarielle
Non simmo mango ingrate
Passammo sti ghiurnate
A fa sciacquitto.

E lu vedite scritto
Torna lu zampugnaro
Nce mette allummacare
Alleramente.

Nce fa venire a mente
La luminosa stella,
La bella grotticella
E li pasture.

Che gruosse e criature
Dall’Angelo avvisate
Correvano priate
A la capanna.

E cchi Ile porta o manna,
Co ceste e co panare
E chi lu va adurare
A faccia nterra.

E da lontana terra
Per fine li Re Magge
Cu traine e carriagge
Se partettero

Ch’appena che vedettero
Lu cielo alluminato
Dicettero era nato
Lu Messia.

E co gran cortesia
Vediste aggenucchione
De nanze a nu guaglione
Tre regnante.

Erode, re birbante
Trasette gia’ mpaura
Ca chella criatura
Lo spriorava.

E pecche’ se tremava
Chell’arma ntaverzata,
Fa fa chella salata
De guagliune.

Che simmele a picciune
Li facette scannare
Pe farece ncappare
lu bambino,

Cchiu’ nfame, cchiu’ assassino
Nun’avite visto mai!…
E nterra non chiavaie
Tanno pe tanno.

Ma le restaie lu nganno.
Ne’ ce cacciaie niente
Co tutte li nuziente
Ch’accedette

Che la Madonna avette
Da cielo lu consiglio
De ne fui’ lu figlio
Tanno tanno.

Sti ccose gia’ se sanno
Ma quanno e’ chisto juorno
Nce arrollano cchiu’ attuorno
A la memoria.

E sia ditta pe gloria
Nce portano allegrezza
Tanto che c’è priezza
Pe ogni parte.

E sulo all’addonare
Che asciute so li ppigne
Te prje a chillo signe
De Natale.

Vi’ mo p’ogne locale,
Pe puoste e pe pontune
Li rrobbe so a montune
Apparicchiate.

A festa so aparate,
Purzì fora li vie
Poteche, speziarie
E bancarelle.

E nne vide sportelle
Panare, votte e ceste,
E scatole, e caneste,
E gran sportune !

D’anguille e capitune
E pisce d’ogni sciorte
Ne’ vide grosse sporte
A centenare.

Tutta sta rroba pare
Potesse abbasta’ n’anno,
Eppure tanno tanno
Scomparisce.

La gente trase e esce,
E corre, va, e vene
E spenne quanno tene
Pe la canna.

Ne’ truove chi non manna
N’aurio, o nu rialo
Sarra’ malo Natale
Non manna’ niente

Lu strazio de’ nuziente
Se fa co li’ capune
Che songo a miliune
Scapezzate.

Ne, vuie quanno trovate
Cchiu’ festa e cchiu’ allegria
Ma la pezzentaria
Nun canuscimmo.

E nuie percio’ venimmo
Cu festa, canto e suono
P’auria’ lu buon
Principio d’anno.

Priesto che fenarranno
Li guaie e li tormiente,
Ne’ mai cchiu’ lamiente
Sentarraie.

Spero che vedarrate
Spunta’ pe vuie na stella
Lucente comm’a chella
E auriosa.

Spero ch’assai sfarzosa
La sciorte addeventasse
E che ve contentasse
A tutte quante.

Si sì niuziante,
Sempe puozz’aunnare
Comm’aonna lu mare
Ntutte Il’ore.

Si po si vennetore,
E tiene magazzino
Se pozze ogni carrino
Fa ducato.

Si po si’ n’avvocato
Ti dico solamente
Che puozze ave’ cliente
Capo tuoste.

Pecchè t’abbusco vuosto
Nce sta’ d’ogne manera,
O perde, o va ‘ngalera,
O fa denare.

Puozze, si’ si’ nutare,
Fa poche testamiente,
Capitule e strumiente
’Nzine fine.

Si’ nu ngegnere fine?
Trovasse ricche palazze,
Pe fraveca’ palazze,
E turriune

O meglio e la Commune
Aggranfate coll’ogne
Ca Ilà sempe se magne,
E se va ‘nchino.

Si n’ommo trafechino
E vuò cagnare stato
Rijesce Deputato
o Consigliere.

Tanno si Cavaliere
Si lu guverno appruove,
Ll’anema de li chiuove
Venarranno.

Si prevete? Te manno
L’aurio che dimane
Sì fatto parrucchiano
O monsignore.

Si si’ faticatore,
Salute, forza e accunte
Accussi’ tu la spunta
E puo’ campare.

Pero’ aje da scanzare
Lu juoco e la cantina
O ncuorpe a la matina
Niente trase.

Si si’ patron ‘e case
Te scanza lo Signore
De malo pagatore
Comm’a nuie.

Che ntiempo se ne fuie
Li tterze si nun pava
E se porta la chiava
D’altrittante.

Si po si navigante,
Nn’avisse mai tempeste,
Fa li viagge leste
E ricche ancora

Si miedeco? bonora
Me ‘mbroglie nveretate
Va puozzo ogne malate
Fa guarire

Sti bobbo pozzo dire,
Si si’ nu speziale
Sanasse ogne male,
Ogne dolore.

Si po si’ giuocatore,
Venga la carta mpoppa
Ne puotze mai fa toppa
A zecchinetto

Si essere prutetto
Da la fortuna vuoje,
Cerca e fa quanto puoje
D’essere ciuccio.

Si quacche impiegatuccio
Puozzo piglia’ nu terno,
Si no starrai n’eterno
Ndebbetato.

Nzomma, nqualunque stato
Avvisse’li rricchezze
E chelle contentezze
Ch’ addesirie.

E chi ne tene mmiria
Che pozza fa na botta
E Ile scennesse sotta
Nu contrappiso.

Troppo ’nce avite ‘ntiso
E ve site stufate,
E nuie simrno stracquate
E sete avimmo.

Da cca’ non nce muvimmo
La faccia e’ troppa tosta
Simmo venuto apposta
E ll’ aspettammo.

Ne ch’addesiriammo
Castagne, fiche e nuce
E autre Cose doce,
E susamielle.

Duie o tre canestrielle
Abbastano a sta panza,
Sapimmo la crianza
E simme poche.

Primma de chesso Iloche
’Nce aprite la dispenza,
Simme di confidenza
Pigliammo tutto.

O provole, o presutto
N’arrusto o nu castrato
Sia friddo o sia scarfato
Nu capone.

Nuie I’obbligazione
Sapimmo esattamente
Nun nce restammo niente
Pe farve onore

Ca site nu signore
Sfarzuso e corazzone,
E ntutte l’occasione
Nun scomparite.

Piacere anze nn’avite
Si v’hanno scommodato
E nce addesiriate
L’anno che vene.

Tanno trovà cchiu bene
Speranno cchiu allegria
E na speziaria
De cose doce.

Nce resta aizà la voce
Pe ve cercà licenza
Dann a’ sta bona udienza
bona notte.

E bona notte!
Buon capodanno a tutte,
E bona notte!